Home/Tutte le categorie/BLANC DE MORGEX ET DE SALLE

Out of stock

Il Blanc de Morgex et de La Salle deve il proprio nome ai due comuni dove vengono coltivate le uve c...

Il Blanc de Morgex et de La Salle deve il proprio nome ai due comuni dove vengono coltivate le uve con le quali viene prodotto. Su questo territorio, situato sulle pendici del Monte Bianco, sorgono vigne fin dalla prima colonizzazione romana delle Alpi occidentali, nel I secolo a.C.. Su questi pendii, a 1200 metri s.l.m., in piu’ di due millenni le tecniche di coltura sono state via via perfezionate e tramandate, permettendo la produzione del vino piu’ alto d’Europa. Il Pri? Blanc e’ uno degli ultimissimi vitigni completamente franchi di piede, ovvero coltivabile da seme e non innestato sulla radice della vite americana. Le altitudini di coltivazione sono cosi’ estreme che nemmeno la Fillossera, l’insetto parassita della vite che ha decimato le vigne Europee dal 1860, puo’ spingersi cosi’ in alto. ?Ogni annata e’ una scommessa contro il tempo per raggiungere la maturazione?, ci spiega Marco, tenuto conto delle difficili condizioni climatiche a 1200 metri d’altitudine. ?I vigneti sono coltivati a pergola bassa, per sfruttare al meglio il calore del terreno. Si lavora da sopra e si raccoglie da sotto. La struttura della pergola e’ in legno con i sostegni in pietra di Morgex.? Come bere il Blanc de Morgex et de La Salle e’ Abbinamenti consigliati Questo vino decisamente acido si accompagna bene ad antipasti, primi delicati, piatti di pesce come ad esempio la trota di montagna, carni bianche e formaggi freschi. Servire fresco: ottimo come aperitivo o con il dessert.

Read more

22,00

Esaurito

Il Blanc de Morgex et de La Salle deve il proprio nome ai due comuni dove vengono coltivate le uve con le quali viene prodotto. Su questo territorio, situato sulle pendici del Monte Bianco, sorgono vi...

Il Blanc de Morgex et de La Salle deve il proprio nome ai due comuni dove vengono coltivate le uve con le quali viene prodotto. Su questo territorio, situato sulle pendici del Monte Bianco, sorgono vigne fin dalla prima colonizzazione romana delle Alpi occidentali, nel I secolo a.C.. Su questi pendii, a 1200 metri s.l.m., in piu’ di due millenni le tecniche di coltura sono state via via perfezionate e tramandate, permettendo la produzione del vino piu’ alto d’Europa. Il Pri? Blanc e’ uno degli ultimissimi vitigni completamente franchi di piede, ovvero coltivabile da seme e non innestato sulla radice della vite americana. Le altitudini di coltivazione sono cosi’ estreme che nemmeno la Fillossera, l’insetto parassita della vite che ha decimato le vigne Europee dal 1860, puo’ spingersi cosi’ in alto. ?Ogni annata e’ una scommessa contro il tempo per raggiungere la maturazione?, ci spiega Marco, tenuto conto delle difficili condizioni climatiche a 1200 metri d’altitudine. ?I vigneti sono coltivati a pergola bassa, per sfruttare al meglio il calore del terreno. Si lavora da sopra e si raccoglie da sotto. La struttura della pergola e’ in legno con i sostegni in pietra di Morgex.? Come bere il Blanc de Morgex et de La Salle e’ Abbinamenti consigliati Questo vino decisamente acido si accompagna bene ad antipasti, primi delicati, piatti di pesce come ad esempio la trota di montagna, carni bianche e formaggi freschi. Servire fresco: ottimo come aperitivo o con il dessert.

Read more

Informazioni aggiuntive

Produttore

Maison Vevey Albert

Regione

Valle D'Aosta

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “BLANC DE MORGEX ET DE SALLE”

Vendor Information

Added to cart